• 02 37 90 87 77

Se l’accertamento è “per relationem” non occorrono altre spiegazioni

Il socio può accedere ai documenti della società e prendere visione dei presupposti dell’atto impositivo

In tema di imposte sui redditi, l’obbligo di motivazione degli atti tributari, come disciplinato dall’art. 7 della L. n. 212 del 2000, e dall’art. 42 del DPR n. 600 del 1973, è soddisfatto dall’avviso di accertamento dei redditi del socio che rinvii “per relationem” a quello riguardante i redditi della società, ancorché solo a quest’ultima notificato, giacché il socio, ex art. 2261 c.c., ha il potere di consultare la documentazione relativa alla società e, quindi, di prendere visione dell’accertamento presupposto e dei suoi documenti giustificativi.

Sentenza n. 8425 del 30 aprile 2020 (udienza 15 gennaio 2020)

Cassazione civile, sezione V – Pres. Cirillo Francesco Mario – Est. Guida Riccardo

Art. 7 della L. n. 212 del 2000 e art. 42 del DPR n. 600 del 1973 – Obbligo di motivazione degli atti tributari – È legittimo l’avviso di accertamento che rinvii “per relationem” a quello riguardante i redditi della società – Il socio ha il potere di consultare la documentazione relativa alla società

Leave a Reply

Your email address will not be published.